SCUOLAԑ TOP NEWS

Scuola, siglato il Protocollo per la ripresa in sicurezza

I sindacati hanno definito questo momento come 'storico' capace di superare definitivamente le norme che nel 2008 avevano portato a tagli e alle classi pollaio.

Questa mattina la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina e le organizzazioni sindacali della scuola hanno firmato il Protocollo che garantirà la ripresa in sicurezza dell’anno scolastico 2020/21. Il testo offre regole chiare alla scuola che vertono su temi importanti come ad esempio l’help desk per le scuole, le modalità di ingresso e uscita, l’igienizzazione degli spazi e l’impegno a debellare il fenomeno delle classi sovraffollate, le cosiddette ‘classi pollaio’. Inoltre il Protocollo vuole essere un punto di riferimento per studentesse, studenti e famiglie.

L’annuncio della firma è giunto questa mattina direttamente dalla titolare del Miur, che in un lungo post su Facebook ha scritto: “Al Ministero abbiamo appena dato il via libera al Protocollo di sicurezza per la ripresa di settembre. Un accordo importante che contiene le misure da adottare per garantire la tutela della salute di studentesse, studenti e personale, ma anche impegni che guardano al futuro e al miglioramento della scuola come il contrasto delle classi cosiddette ‘pollaio’, una battaglia che porto avanti da tempo e che rappresenta per me una priorità“.

protocollo ripresa scuola

Ringrazio le Organizzazioni sindacali – ha aggiunto Azzolina – e quanti nel Ministero si sono impegnati per questo risultato molto atteso dalle scuole. Si tratta di regole chiare che danno certezze a dirigenti scolastici, personale, famiglie, alle ragazze e ai ragazzi che si apprestano a tornare nelle aule.Ritengo particolarmente importante l’help desk che sarà attivato a supporto delle scuole: è la dimostrazione che non vogliamo lasciarle sole. Che saremo al loro fianco in ogni momento supportandole in caso di difficoltà, così come abbiamo già fatto durante gli Esami di Stato“.

Come Governo – ha infine concluso la ministra – avevamo promesso di trovare le risorse per la ripresa e lo abbiamo fatto: abbiamo 2,9 miliardi e stiamo mettendo anche fondi per consentire agli Enti locali di affittare spazi per le lezioni. Non era un risultato facile, ma lo abbiamo ottenuto“. Un risultato che a quanto si apprende è stato molto apprezzato dai sindacati che hanno definito questo momento come ‘storico‘, in quanto “si superano le norme del 2008 che avevano portato ai tagli e alle classi pollaio“, dichiarazioni che fanno chiaramente riferimento alle norme sottoscritte dall’ex ministra dell’Istruzione Maria Stella Gemini, che avevano determinato un aumento rilevante del numero di alunni presenti in ogni singola classe.

Norbert Ciuccariello

Tags

Articoli Correlati