CRONACHEԑ TOP NEWS

Tavole apparecchiate sul pavimento di dieci piazze, la protesta dei ristoratori

TORINO. Dieci piazze in Italia apparecchiate da ristoratori che con la nuova stretta potrebbero non riuscire più ad apparecchiare i tavoli dei propri ristoranti e pizzerie. Torino è stata una delle capofila dell’iniziativa. La prima di una serie. Una distesa di tavole apparecchiate sul pavimento della piazza, ma con i piatti rovesciati a simboleggiare “le cene che non ci saranno” e intorno, seduti a terra nel rispetto del distanziamento, decine di esponenti della categoria dei pubblici esercizi.

È il flash mob organizzato, questa mattina, dall’Epat nella centrale piazza Carignano a Torino contro la chiusura alle 18 di bar e ristoranti imposto dall’ultimo Dpcm. Con i manifestanti, oltre a rappresentanti di enoteche, pizzerie, gelaterie, pasticcerie e catering, anche alcuni produttori vinicoli, pure loro penalizzati dalla chiusura di bar e ristoranti.
    “Il nostro è un flash mob silenzioso – spiega il presidente dell’Epat di Torino, Alessandro Mautino – come il silenzio del Governo rispetto alle nostre richieste. Non si tratta solo di salvare le nostre aziende, ma anche di non perdere il patrimonio oggi a rischio della socialità e del turismo”.
    “Il Decreto Ristoro di ieri sera – aggiunge la presidente della Confcommercio, Maria Luisa Coppa – non ci ha rasserenati. Per sopravvivere chiediamo al Governo di far slittare la chiusura almeno alle 23, e di bloccarci le tasse per uno o due anni, non slittandole ma cancellandole”.
   

Articoli Correlati