TURISMOԑ LIGURIAԑ PIEMONTEԑ PRIMO PIANOԑ TOSCANA

Torino, Genova e Firenze unite in un’unica festa dal Patrono San Giovanni

Torino festeggia il suo patrono San Giovanni. Lo farà in modo diverso e con un ridotto numero di manifestazioni a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19. Sarà una festa che qualcuno definisce “un vero e proprio palinsesto TV e digitale su scala nazionale”. Infatti gli eventi saranno fruibili attraverso TV e web e grazie a una piattaforma dedicata per coprire capillarmente tutte le iniziative delle città. La maggiore novità della Festa di San Giovanni 2020 è che Torino sarà collegata con Firenze e Genova, per un grande evento che vedrà per la prima volta insieme, in un’unica piazza virtuale, le tre città unite dallo stesso santo Patrono e rappresentate dai loro personaggi culturali, musicali e istituzionali.

I cardini di San Giovanni ‘al cubo’ saranno festa, cultura e innovazione. La regia è affidata una firma eccellente a livello nazionale, Duccio Forzano, già autore di programmi e spettacoli di assoluto valore. A lui spetterà rendere armonico il ricco programma che toccherà alcuni tra i luoghi più iconici delle tre città. A Torino la Mole Antonelliana, sede del Museo Nazionale del Cinema e luogo di riferimento della manifestazione ‘Torino Città del Cinema 2020’, e il Lingotto; a Genova i Palazzi dei Rolli, patrimonio UNESCO, e il teatro Carlo Felice; a Firenze il Palazzo Vecchio, Salone dei Cinquecento, e l’Abbazia di San Miniato.

 Quello che si preannuncia sarà un grande spettacolo che si trasformerà in un abbraccio virtuale “al cubo”, mettendo insieme i contenuti artistici delle tre città che si potranno seguire attraverso un unico collegamento via streaming nel rispetto delle misure di sicurezza.  Programma completo della Festa di San Giovanni 2020 nelle tre città

A TORINO

Martedi 23 giugno,  Ore 19.00 – cortile di Palazzo Civico Benedizione e consegna e dei Pani della Carità alla Sindaca Chiara Appendino da parte di Gianduja e Giacometta della Famija Turineisa

 Ore 20.00 – Palazzo Madama, Museo Civico d’Arte Antica
“Rintocchi di festa” – La campana barocca voluta dal duca Carlo Emanuele II di Savoia tornerà a suonare e a celebrare la festa del patrono della città con solenni e gioiosi rintocchi dalla torre di sud-est di Palazzo Madama. La campana, in bronzo, intonata sulla nota MI, suonerà una sequenza di 24, 6 e 20 rintocchi per festeggiare la data del 24 giugno 2020 e commemorare i 350 anni dalla sua realizzazione, avvenuta nel 1670 per mano del fonditore francese Simon Boucheron. Il concerto è realizzato in collaborazione con l’associazione CampaneTo.

Dalle ore 21.30 – streaming di 60 minuti di musica sui siti dei club aderenti all’iniziativa e sulle pagine Facebook di TorinoGiovani e di TorinoCreativa.
‘WCHIBALLA’ è progetto patrocinato dalla Città di Torino realizzato dal Comitato Promotore di Art&Club Commission Torino. Una sintesi della creatività dei più noti e amati dj’s della città incorniciati all’interno dei club più significativi di Torino
 Mercoledi 24 giugno
Ore 10.30 – Messa solenne in Duomo con l’arcivescovo Nonsiglia
Cerimonia organizzata dalla Famija Turinèisa.
 Ore 12.15 – Palazzo Civico – Sala del Consiglio Comunale
Cerimonia di nomina di sette Ambasciatori delle eccellenze di Torino e del suo territorio. I nominati sono: Maria Lodovica Gullino, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, Paolo Pininfarina, Lorenzo Sonego, Sergio Momo, Ernesto Olivero e don Luigi Ciotti
 Ore 21.00/23.30 – “La Notte di San Giovanni”, in diretta tv su Rai Premium (canale 25 ddt); alle 21 circa, in streaming su RaiPlay e sulla piattaforma digitale www.sangiovannix3.it.
 La parte torinese dello spettacolo prevede, insieme ai big citati nel comunicato nazionale, la performance del chitarrista Jacopo Mastrangelo; l’esecuzione dell’orchestra del teatro Regio; la presenza di Suor Cristina; l’omaggio del Maestro Bacchetti a Ezio Bosso; l’intervento del poeta Guido Catalano; la passeggiata di San Giovanni al Museo Egizio del Direttore Christian Greco, il commento di Alessandro Barbero su Torino Magica, il racconto del Maestro Bruno Santori insieme alla testimonianza del Professor Curnis.
 La serata torinese terminerà con il dj set di Ema Stockholma, prima in diretta tv, successivamente in streaming sulla pagina facebook della Città di Torino.

A GENOVA

La parte genovese dello spettacolo prevede interventi di Maurizio Lastrico, Pippo Lamberti, del giovane cantante Alfa, dello storico leader dei New Trolls Vittorio De Scalzi e dell’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova. Poi un video sull’architettura, la storia e le famiglie che si sono succedute nella proprietà dei Palazzi dei Rolli Patrimonio Unesco. Una serie di immagini suggestive del contesto urbano e degli interni del Palazzo del Principe, Palazzo Angelo Giovanni Spinola, Palazzo Centurione Lomellini Podestà, Palazzo Balbi Senarega. Poi le immagini della Cattedrale di San Lorenzo che, secondo la tradizione, custodisce proprio le ceneri di San Giovanni.

Anche i genovesi sono protagonisti: sono state realizzate mini interviste ai cittadini in giro per la città, che vengono proiettate nello spezzone Vox Populi, in cui raccontano cosa chiedono al Santo Patrono. Oltre all’esibizione dei droni sulla città (da Porto Antico a via Garibaldi) e sul Falò di San Giovanni in piazza Matteotti il 23 giugno, anche la luce è protagonista della notte del Santo patrono grazie a coreografie speciali con fasci luminosi e video-mapping. Gli edifici e i paesaggi iconici dei tre centri sono il fulcro del programma: a Genova dai Palazzi dei Rolli al Teatro Carlo Felice, fino a Boccadasse. Ora gli altri eventi a Genova previsti per il Santo Patrono.

La città vecchia con il fascino dei suoi vicoli: un percorso immersivo tra storia e leggenda, in una narrazione che si snoda attraverso le chiese di San Matteo e di San Donato, il Teatro Carlo Felice, Palazzo Ducale e altri luoghi storici, splendide cornici di esistenze iconiche, come Paganini ma che vedono protagonisti anche streghe e fantasmi, a descrivere la magia dei caruggi.

A FIRENZE

Le celebrazioni si aprono alle 10 con la messa cantata nella cattedrale di Santa Maria del Fiore, dedicata alla natività di San Giovanni Battista:  a Cappella Musicale, i Pueri Cantores e il coro di voci bianche del Teatro del Maggio Musicale accompagnano la liturgia con musiche di Bach, Bartolucci, Manganelli e canti gregoriani.

Musei gratis a Firenze il 24 giugno: dall’Accademia a Palazzo Vecchio.

Alla Manifattura Tabacchi viene inaugurato lo spazio estivo. Tra gli eventi previsti  l’apertura gratuita della mostra di arte contemporanea “La meraviglia” (orario 10.00 – 22.00).

Poi una serie di iniziative serali, tra libri, trasmissioni dal vivo e arte, ecco alcuni appuntamenti: l’inaugurazione dell’opera site-specific “Arno – Imaginary Topography” di Andreco (ore 18.00) e della nuova installazione di Marcello Spada nello spazio Toast (ore 19.00); la musica classica del giovanissimo Quartetto Shaborùz (ore 21.30) e il primo LoudLift Live estivo con Roberto Angelini e Rodrigo D’Erasmo impegnati in un omaggio a Nick Drake (ore 22.00 – 22.30). Ingresso libero

Tra gli eventi si segnala anche l’apertura a ingresso gratuito di alcuni musei civici e statali. Mercoledì 24 giugno non si paga l’entrata nel museo di Palazzo Vecchio (ore 10.00 – 15.00), nel Museo Stefano Bardini (15.00 – 20.00) e nel Museo Novecento (15.00 – 20.00), ma in tutti e 3 prenotazione online obbligatoria.

Tags

Articoli Correlati