SPORTԑ PRIMO PIANO

Trezeguet ubriaco alla guida, patente ritirata.

E come se non bastasse insulta i poliziotti: "Pezzenti non guadagnate nemmeno duemila euro".

Non tutti ricorderanno una delle famose battute di Teo Teocoli nel programma tv “Mai Dire Gol“, in una delle sue esilaranti imitazioni soleva dire: “David Trezeguet, con una mano davanti e una d’andrè” (in dialetto milanese d’andrè vuol dire dietro). Ebbene questa volta sembra che il francese si sia trovato letteralmente in una situazione di serio imbarazzo: mercoledì sera l’ex attaccante della Juventus è stato fermato dalla polizia alla guida del suo Suv, mentre transitava da via Po a Torino, e denunciato guida in stato di ebbrezza.

Secondo quanto raccontato da “Il Corriere di Torino“, inizialmente Trezeguet avrebbe avuto una lunga discussione con gli agenti, il motivo è che si sarebbe rifiutato di sottoporsi all’alcoltest e solo dopo un’ora ha accettato la prova dell’etilometro, eseguita più volte per avere la certezza dell’esito. La prova del palloncino ha dato per tre volte risultati superiori quelli consentiti dalla legge (valori tra 1,5 e 1,7). Successivamente è scattata la denuncia, oltre il ritiro della patente.

Sembra che l’ex campione abbia avuto un atteggiamento riprovevole nei confronti dei poliziotti ed abbia affermato in tono di sfida: “Lo faccio il test, ma dopo un’ora“. Dopo la spiegazione da parte degli agenti che non sarebbe stato possibile attendere, il francese li ha insultati pesantemente: “Pezzenti, poveracci, non guadagnate nemmeno duemila euro.”

David al momento del fermo era in compagnia di un amico ed era di rientro da Monforte d’Alba, località nelle Langhe, dove aveva partecipato a una degustazione di vino con un altro ex calciatore juventino, Mauro German Camoranesi.

trezeguet ubriaco
David Trezeguet (Twitter @Fifacom)

L’ex campione bianconero e della nazionale francese non è nuovo a diverbi con le forze dell’ordine: nel 2010 venne fermato in auto mentre sedeva accanto ad un amico alla guida. Quando gli vennero chieste le generalità, poiché non aveva con se il documento d’identità, dichiarò in prima battuta di chiamarsi Vincenzo Iaquinta, suo compagno di squadra, e successivamente ritratto affermando di essere Alessandro Del Piero. Infine dichiarò il vero nome, peccato che mentì su data e luogo di nascita “Sono David Trezeguet, nato il 15 Novembre del 1976 a Buenos Aires“, mentre in realtà è nato a Rouen, in Francia, il 15 Ottobre del ’77. Per l’episodio si è preso una denuncia per “false generalità”.

Sino alla riconsegna della patente monsieur Trezeguet sarà obbligato a trovare uno chaffeur (un’autista) che lo porti a spasso. Siamo sicuri che d’ora in poi ci penserà due volte prima di mettersi alla guida alticcio, nella speranza che per dimenticare l’accaduto non finisca ber berci su qualcosa…

Carlo Saccomando

Loading...

Articoli Correlati