• 27 Gennaio 2021
  • ATTUALITA'

Ville storiche, patrimonio artistico ed economico italiano

Conservare, valorizzare e gestire decine di migliaia di dimore storiche pubbliche e private è un dovere, ma anche una importante risorsa economica per l’Italia. Si tratta di un patrimonio storico culturale che non ha eguali al mondo ed è una delle principali risorse per il nostro Paese.

Queste ville private di ragguardevole valore artistico e culturale, essendo immobili gravati da oneri di gestione e manutenzione molto elevati soffrono questa pandemia per mancanza totale di ricavi rischiando così l’abbandono con il conseguente degrado. Un problema nazionale che si ripercuote con vigore in svariate zone del paese, che però è evidente per esempio nel Nordest, terra ad alta concentrazione di Ville Venete e Palazzi che caratterizzano soprattutto i piccoli centri ed il paesaggio.

Secondo i dati della Fondazione Visentini i visitatori di ville e palazzi di proprietà privata in Veneto nel 2019 hanno generato 17.8 milioni di ingressi a fronte di 106.8 milioni di euro di fatturato.

Si tratta di numeri che quest’anno sono stati cancellati, spazzati via dalla pandemia, un problema del Veneto, ma anche di preoccupante rilevanza nazionale. Ed è in questo panorama storico sociale che un Tour Operator italiano si sta adoperando per la promozione turistica di dimore che tutelano il patrimonio storico artistico.

Villa Valmarana ai Nani (in provincia di Vicenza): la facciata con il giardino all’italiana

“Siamo ad un passo dall’estinzione di un grande patrimonio artistico e immobiliare che tutto il mondo ci invidia. I proprietari-custodi di queste case museo diffuse su tutto il territorio sono in forte difficoltà, serve un piano straordinario di rilancio che li aiuti ad uscire dalla crisi al fine di mantenere uno stato cura adeguato agli immobili”, racconta Aldo Gottardo, fondatore di TBA Holidays e Real Estate, acronimo di Tuscany Business Agency (www.tuscanybusinessagency.com), società specializzata nella promozione e intermediazione turistica e immobiliare di dimore d’epoca e residenze di prestigio.

“Credo che certe proprietà privatemesse a disposizione della collettività siano beni comuni e come tali debbano essere salvaguardati, non ultimo esse rappresentano un’influente volanodell’economia e del turismolocale. C’è un saggio pensiero che dice: ‘Là dove l’arte sarà resa libera a tutti, vi nascerà una grande civiltà’,rileva ancora Gottardo.

Immaginando un nuovo modo di scoprire le strutture di interesse storico in Italia TBA Holidays, che si differenzia per qualità dai tour operator “discount” internazionali, nel suo itinerario ha visitato una delle più illustre ville venete Villa Valmarana ai Nani, collocata in un poetico e bucolico belvedere alle porte di Vicenza e a tutt’oggi abitata dalla nobile famiglia Valmarana.

Con piacevole spirito di accoglienza il proprietario sig. Giulio Vallortigara Conte di Valmarana, uno dei discendenti della nobile famiglia, che si occupa personalmente della gestione e salvaguardia della Villa ha introdotto TBA Holidaysnell’affascinante storia della sua antica dimora museo.

Giulio Vallortigara si definisce “custode del bene” avendo l’importante responsabilità di tutelare un patrimonio storico artistico da 300 anni di proprietà della famiglia. Tale casa museo, che dista 1 km dal centro storico di Vicenza gode con la foresteria di oltre 800 metri quadrati di affreschi di Giambattista e Giandomenico Tiepolo, è a disposizione della collettività e visitabile tutti i giorni dell’anno.

Villa Valmarana: uno dei suoi meravigliosi interni

Fin dall’antichità fu polo di attrazione e meta di artisti, letterati, semplici amanti dell’arte, anche Goethe ne parla nel suo diario del viaggio in Italia. Ora la casa museo è visitata da oltre 30.000 persone all’anno provenienti da tutto il mondo

La villa fu costruita nel 1669 e successivamente acquistata dall’antenato Giustino Conte di Valmarana nel 1715. Deve il suo nome alle statue del giardino figure che rappresentano dei nani. Nel settecento la committenza fu fondamentalmente privata, interessata soprattutto ad esaltare le origini e la fama della casata della quale faceva parte e Tiepolo fu un vero e proprio maestro di questo tipo di iconografia celebrativa.

Le stanze sono quelle, molto più raccolte, di una villa di campagna, in cui la famiglia passa le sue vacanze: i suoi affreschi, dipinti ad altezza d’uomo, entreranno quasi a far parte della loro vita quotidiana si tratta di una pittura lieve fatta di tinte luminose, azzurre, ocra, rosate, di ombre colorate e di leggeri chiaroscuri, con il colore freddo del cielo che esalta, per contrasto, quello più caldo delle vesti. Fino a dare l’idea della luce di un eterno mattino.

All’interno della palazzina Il committente, Giustino Valmarana, uomo di lettere e appassionato di teatro, a suo tempo scelse i soggetti rappresentati dal Tiepolo: al piano nobile le scene d’amore tratte dai poemi più noti, una per ogni sala, ben si confanno al gusto di una nobiltà di provincia, che sapeva vivere il lusso con garbo e misura.

Il visitatore può quindi intraprende un viaggio verso una visione del mondo mitologica, gli affreschi delle 5 sale della palazzina possono essere definite tra le più significative opere di Giambattista Tiepolo.

Se desiderate vivere le emozioni della pittura dei Tiepolo, potrete vedere il cortometraggio alla pagina www.vimeo.com/482042401, dove Erika Tiozzo portavoce di TBA Holidays intervista Giulio Vallortigara conte di Valmarana, che vi accompagnerà nell’affascinante mondo dell’arte dei Tiepolo e della cultura settecentesca.

Articoli correlati