CRONACHEԑ TOP NEWS

Violenza sessuale di gruppo a Matera: rifiutano di rispondere al giudice i quattro giovani arrestati

Sono sette i giovani indagati per la viiolenza sessuale di gruppo, tra cui sono presenti due cantanti trapper, uno dei quali è figlio di una poliziotta.

In vista dell’incidente probatorio, che si dovrebbe tenere entro il fine settimana, la pm di Matera Annafranca Ventricelli ha disposto nuovi accertamenti sulla posizione dei sette giovani indagati per la violenza sessuale subita dalle due ragazzine inglesi, che dovranno restare in Italia proprio fino allo svolgimento dell’incidente probatorio.

In particolare, i nuovi accertamenti riguarderanno i vestiti indossati dai sette giovani coinvolti, anche per ricercare l’eventuale presenza di Dna. La Squadra mobile della Questura di Matera, intanto, continua le indagini per verificare tutti gli aspetti della vicenda.

Secondo quanto emerso dalle prime ricostruzioni degli investigatori sarebbe stato uno tra gli indagati, Giuseppe Gargano, a condurre le due minorenni nella zona più buia sul retro della villa. In seguito si sarebbero uniti gli altri tre che avrebbero consumato la violenza sessuale di gruppo. Inoltre dagli esami tossicologici è emersa la presenza di sostanze stupefacenti, sostanze che le due ragazze negano di aver assunto. Per questo motivo l’accusa ritiene possa esserci un’aggravante: i ragazzi avrebbero somministrato della droga a insaputa delle giovani.

violenza sessuale matera

Negli interrogatori di garanzia davanti al gip di Matera Angelo Onorati, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere i quattro giovani arrestati dalla Polizia per la violenza sessuale di gruppo subita da due turiste minorenni inglesi, di 16 e 15 anni, durante una festa in una villa di Marconia di Pisticci (Matera) la notte tra il 7 e l’8 settembre scorso.

Nelle prossime ore quindi dovrebbero essere convalidati gli arresti di Michele Masiello, di 23 anni, Alberto Lopatriello (22), Alessandro Zuccaro (21) e Giuseppe Gargano (19). Nei prossimi giorni si terranno anche gli interrogatori di garanzia degli altri tre indagati, tra i quali ci sono anche due cantanti trapper, Michele Leone ed Egidio Andriulli, in arte Red Michael e Meus Deus. Leone, geometra, secondo quanto scoperto dal Resto del Carlino è figlio di una poliziotta. Il terzo indagato è Rocco Lionetti.

Norbert Ciuccariello

Tags

Articoli Correlati