• 9 Dicembre 2021
  • PERSONAGGI

Addio a Ennio Doris, visionario fondatore di Banca Mediolanum

Si è spento questa notte alle 2 e 12 minuti, all’età di 81 anni, Ennio Doris, fondatore e presidente onorario di Banca Mediolanum. A dare l’annuncio la moglie Lina Tombolato e i figli Sara e Massimo. In questi giorni di lutto la famiglia Doris ha chiesto a tutti di rispettare il massimo riserbo. In un comunicato ufficiale dipendenti, collaboratori e correntisti di Banca Mediolanum si sono stretti con enorme commozione attorno alla famiglia e hanno voluto omaggio all’imprenditore scomparso.

Ennio Doris ci ha lasciati in questa vita terrena. È scomparso un visionario, un innovatore uno straordinario imprenditore, un altruista, un inguaribile ottimista. “C’è anche domani” era il suo motto. E per tutti noi di Banca Mediolanum Ennio Doris c’è e ci sarà. Anche domani.” questo il messaggio toccante che appare nella homepage del sito di Banca Mediolanum, che sottolinea le grandi doti umane dell’imprenditore veneto.

La storia di un grande imprenditore ma soprattutto un grande uomo

Nato il 3 luglio del 1940 a Tombolo, comune in provincia di Padova, per oltre quarant’anni è stato indiscusso protagonista della grande finanza italiana. Dopo il diploma in ragioneria ha prima cominciato a lavorare come venditore porta a porta per la Banca Antoniana di Padova e Trieste, poi è diventato direttore generale delle officine meccaniche Talin di Cittadella. Nel 1969 inizia la sua attività nel campo della consulenza finanziaria per la società Fideuram, che fallirà poi di lì a breve ma verrà salvata dal Ministero del Tesoro. Nel 1971 entra a far parte del gruppo Dival.

La svolta della vita: l’incontro con Silvio Berlusconi

Ma nel 1981 fa l’incontro che gli cambierà la vita: quello con Silvio Berlusconi. Doris aveva letto una lunga intervista rilasciata dall’allora imprenditore immobiliare e televisivo sulla rivista Capita nella quale affermava: “Se qualcuno ha un’idea e vuole diventare imprenditore, mi venga a trovare. E se l’idea è buona ci lavoriamo insieme“. Un’incontro casuale a Portofino gli permette di conoscere personalmente Berlusconi e di presentargli il suo progetto, convincendolo a parteciparvi. Nel febbraio dell’82 fondano la società Programma Italia, la prima rete in Italia ad offrire consulenza globale nel settore del risparmio, che nel 1994 (l’anno dell’ingresso in politica di Berlusconi) cambierà denominazione in Mediolanum S.p.A.

Dal 1996 è diventato Amministratore Delegato di Mediolanum S.p.A, holding del Gruppo, sino al 2015, anno della fusione per incorporazione in Banca Mediolanum. Fino allo scorso 3 novembre 2021 Ennio Doris ha ricoperto la carica di Presidente di Banca Mediolanum, giorno nel quale è stato nominato, a seguito di delibera assembleare, Presidente Onorario. Ennio Doris ricopriva altresì la carica di Presidente Onorario di Fondazione Mediolanum Onlus.

Ennio Doris
Ennio Doris (Facebook)

Padre e nonno esemplare

Sposato dal 1966 con Lina Tombolato, lascia due figli, Massimo e Sara, e sette nipoti: Agnese, Alberto, Anna, Aqua, Davide, Luna Chiara e Sara Viola. Nel 1992 gli viene conferita l’Onorificenza di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana e nel 2002 quella di Cavaliere del Lavoro. Sempre nel 2002 consegue il Master honoris causa in “Banca e Finanza” della Fondazione CUOA. Dal 2000 al 2012 ha ricoperto la carica di Consigliere in Mediobanca S.p.A. e di Banca Esperia S.p.A.

Innovatore e precursore dei tempi

La più grande intuizione di Ennio Doris è stata quella di anticipare i tempi e dare vita alla prima banca senza sportelli, questo nonostante l’avvento di internet fosse ancora lontano. Nel maggio del 1997 Banca Mediolanum diventa la più innovativa banca telematica d’Italia, nata senza sportelli, la prima a dare il servizio di home banking con telefono e il teletext con il televisore di casa, fondendo così le potenzialità dell’approccio tecnologico con la professionalità del consulente finanziario. Un successo testimoniato anche dal valore acquisito dall’azienda: nel 2019 il valore di Banca Mediolanum è stato stimato in oltre 6 miliardi di euro e conta oltre 8mila dipendenti.

Ennio Doris accanto a Silvio Berlusconi (Facebook)

Il messaggio di cordoglio dell’amico Silvio Berlusconi

Sulla sua pagina Facebook il leader di Forza Italia dedica un messaggio di cordoglio all’amico scomparso e alla sua famiglia: “Ci ha lasciato Ennio Doris, un grande uomo, un grande imprenditore, un grande patriota, un grande italiano. Un uomo generoso, altruista, sempre attento agli altri, sempre vicino a chi aveva bisogno. Un mio grande amico. Ci mancherà molto, mi mancherà moltissimo. A Massimo, a Sara, a Lina la mia vicinanza e tutto il mio affetto“,

Norbert Ciuccariello

Classe 1976, fondatore del quotidiano web nazionale il Valore Italiano e del quotidiano locale Torino Top News. Oltre a ricoprire l'incarico di editore e giornalista pubblicista è un imprenditore impegnato nel settore della moda e della contabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati