• 26 Settembre 2022
  • ATTUALITA'

Calo demografico, Istat: 11,5 milioni di italiani in meno nel 2070

Le nuove previsioni sul futuro demografico dell’Italia, aggiornate al 2021, confermano la presenza di un potenziale quadro di crisi. La popolazione residente è in decrescita: da 59,2 milioni al 1° gennaio 2021 a 57,9 mln nel 2030, a 54,2 mln nel 2050 fino a 47,7 mln nel 2070. Lo afferma l’ultimo report Istat sulle previsioni della popolazione residente in Italia e delle famiglie.

Il rapporto tra individui in età lavorativa (15-64 anni) e non (0-14 e 65 anni e più) passerà da circa tre a due nel 2021 a circa uno a uno nel 2050. Sul territorio entro 10 anni in quattro Comuni su cinque è atteso un calo di popolazione, in nove su 10 nel caso di Comuni di zone rurali.

Tra i dati più preoccupanti spicca il rapporto natalità e decessi in quanto nel 2049 questi ultimi potrebbero doppiare le nascite: si prevedono 788mila morti a fronte di 390 nascite. Inoltre nel 2050 gli individui di età superiore ai 64anni presenti nel Belpaese dovrebbero essere oltre un terzo del totale, pari al 34,9% della popolazione totale.

In crescita le famiglie ma con un numero medio di componenti sempre più piccolo. Meno coppie con figli, più coppie senza: entro il 2041 una famiglia su quattro sarà composta da una coppia con figli, più di una su cinque non ne avrà.

Carlo Saccomando

Classe 1981, giornalista pubblicista. Poco dopo gli studi ha intrapreso la carriera teatrale partecipando a spettacoli diretti da registi di caratura internazionale come Gian Carlo Menotti, fondatore del "Festival dei Due Mondi" di Spoleto, Lucio Dalla, Renzo Sicco e Michał Znaniecki. Da sempre appassionato di sport lo racconta con passione e un pizzico di ironia. Attualmente dirige il quotidiano "Il Valore Italiano".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati