• 31 Gennaio 2023
  • SANITA'

La depressione invernale: che cos’è e come superarla

L’inverno è la stagione delle giornate corte in cui prevalgono il freddo ed il buio, che spingono le persone a stare più in casa e le malattie si manifestano più facilmente. Molti parlano così di depressione invernale: si tratta di un disturbo dell’umore che si manifesta senza un motivo apparente durante l’autunno e l’inverno.

È un periodo difficile per molte persone, dove il sole sorge tardi e tramonta presto e, in genere, ci si sente stanchi e si ha la voglia di “andare in letargo”. La stanchezza invernale è vista come una sorta di fastidio stagionale, caratterizzata da bassa energia, attività diminuite e perdita di forze, specialmente nei mesi tra dicembre e febbraio.

Il rapporto poco bilanciato tra luce e buio ha la principale responsabilità nella riduzione delle nostre energie, facendoci sentire stanchi. Il nostro corpo può quindi risentire dell’influenza di tali fattori esterni.

Numerosi sono gli studi che hanno osservato come l’inverno e la mancanza di esposizione alla luce del sole siano incisivi per la manifestazione di alcuni sintomi, come: stanchezza, fatica, debolezza fisica, sonnolenza, irritabilità, sbalzi d’umore, difficoltà di concentrazione e calo di energia. Così come anche il senso di spossatezza, affaticamento e dolori articolari.

Il nostro organismo, ogni volta che si trova ad affrontare brusche variazioni di temperatura o di luce, deve fare uno sforzo di adattamento e per alcune persone può essere più faticoso che per altre.

Il parere degli esperti

Gli esperti spiegano che è normale sentirsi sopraffatti da stanchezza, dalla mancanza di motivazione e da spossatezza mentale e fisica nella stagione invernale, tutti sintomi che sono collegati infatti al cambio di stagione e che spesso ci accompagnano durante tutto l’inverno.

Tutto ciò è talmente frequente nelle persone, che il Servizio Nazionale Sanitario della Gran Bretagna (l’NHS) ha scritto un vademecum per contrastare questo fenomeno detta “stanchezza invernale”.

Gli esperti suggeriscono quindi di combattere questa stanchezza:

  • Sfruttando la luce del sole, la sua importanza è correlata alla melatonina, che viene prodotta maggiormente in mancanza di luce solare, aumentando così la sonnolenza. Sarebbe quindi consigliato cercare di ritagliare almeno una mezz’ora al giorno all’aperto, magari facendo una sana passeggiata.
  • Cercando di avere un sonno regolare, piuttosto difficile in queste stagioni, specie a causa dello stress che si fa sentire maggiormente, ma con qualche aiuto è possibile migliorare la propria routine del sonno.
  • Allenarsi con costanza, tre ore a settimana sono il minimo consigliato per tenersi in forma durante l’inverno e combattere la stanchezza. Sarebbe importante fare sport o allenarsi per almeno 30 minuti al giorno, con costanza, questo aiuterà a sentirsi più energizzati e rilassati, grazie alla formazione di endorfine.
  • Seguire una dieta bilanciata, il cibo ha ripercussioni anche sul nostro livello di energia, quindi il suggerimento è quello di mangiare in modo equilibrato, preferendo alimenti di stagione e scegliere cibi che non contengono troppo zucchero.
  • Imparando a rilassarsi, il rilassamento non è mai semplice da raggiungere, ma si può comunque provare, cercando quotidianamente ciò che fa per noi: yoga o pilates, meditazione, camminata al parco, sport, lettura di un buon libro, ascolto di buona musica, l’assunzione di tisane rilassanti.

Può essere difficile e faticoso muoversi e restare attivi in inverno, non si tratta di pigrizia bensì di motivazioni ben precise alla stanchezza che si avverte. Quindi seguire questi suggerimenti potrebbe essere d’aiuto per contrastare questo tipo di inattività. Un altro aiuto potrebbero inoltre essere gli integratori alimentari a base di vitamine, in particolare quelle del gruppo B, C e D, con l’aggiunta di magnesio e potassio.

depressione invernale

Conclusioni

Può capitare a tutti di sentirsi stanchi ed assonnati, specialmente nelle giornate tra autunno ed inverno, che diventano sempre più corte e con le temperature che si abbassano.

Gli esperti sostengono che in inverno il nostro corpo brucia più calorie, si tratta di un meccanismo che l’organismo attua per rafforzare le proprie difese immunitarie e per favorire la termoregolazione. Un dispendio energetico che ha come conseguenza stanchezza e sonnolenza.

Come si è detto in precedenza, le giornate si accorciano, l’esposizione alla luce del sole è minore ed il buio provoca un aumento della produzione di melatonina, che induce a stanchezza. Così si corre il rischio di essere meno produttivi e più propensi ad uno stile di vita sedentario.

Gli esperti hanno quindi suggerito alcuni consigli utili per combattere la depressione invernale: sfruttando la luce del sole, cercando di avere un sonno regolare, allenandosi con costanza, seguendo una dieta equilibrata e bilanciata, alleviando lo stress, assumendo integratori alimentari (in particolare vitamine, potassio e magnesio).

È comunque sempre meglio chiedere un consulto al proprio medico curante di fiducia, che in base alla persona potrà suggerire i metodi più efficaci.

Valeria Glaray

Tags

Valeria Glaray

Laureata in Servizio Sociale ed iscritta alla sezione B dell’Albo degli Assistenti Sociali della Regione Piemonte. Ha un particolare interesse per gli argomenti relativi alla psicologia motivazionale e per le pratiche terapeutiche di medicina complementare ed alternativa. Amante degli animali e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati