• 17 Gennaio 2021
  • PERSONAGGI

Fedez e la beneficenza: 5000 euro donati a sconosciuti, ma scattano le polemiche

Fedez nei giorni scorsi ha deciso di regalare mille euro a testa a cinque sconosciuti scelti tra quelle che sono state considerate dai suoi fan le categorie più duramente colpite dal Covid19, un gesto simbolico, ripreso dalle telecamere e postato sui social, che ha destato polemiche.

Vi è chi si è scagliato contro il rapper, come Fabio Volo, dicendo che la beneficenza non va ostentata e va fatta in silenzio, chi ha preferito sottolineare il modello di macchina con cui il cantante ha fatto il giro della città per fare le sue consegne, come a voler rimarcare che non era il massimo procedere in Lamborghini per consegnare pacchetti di Natale ai più bisognosi, vi è anche chi per fortuna, all’interno di questa polemica, ha preso le parti di Fedez.

Il rapper affranto per le accuse ricevute, alcuni hanno definito il rendere pubblica la consegna dei soldi un ‘gesto di cattivo gusto ’ , ha voluto fare alcune precisazioni, al fine di far capire, cosa ha portato a voler volontariamente immortalare il momento della consegna dei ‘pacchetti’ contenenti un prezioso regalo di Natale. Chi ha voluto farsi inquadrare, non tutti sono apparsi in volto, ha manifestato stupore, contentezza per il dono ricevuto. La cameriera del McDrive ad esempio ha chiesto esplicitamente di poter fare una foto ricordo con Fedez e non pareva affatto infastidita dalle telecamere.

https://www.facebook.com/coolinmilan/videos/3595021767253954

Fedez si difende dalla accuse, molti a favore del rapper: “Fatevi una vita

Fedez su Twitter ha scritto:” In merito alle polemiche derivate dall’iniziativa benefica di ieri, mi preme chiarire un paio di punti. Non ho scelto io nè a chi nè come distribuire gli aiuti. Per farlo ho usato la mia macchina, che mi sembra di capire sia da cambiare”.

Molti hanno preso le difese di Fedez, riportiamo solo alcuni dei tweet delle ultime ore: Daniela F, ha scritto: “Volevo dire a Federz che, per non creare scandali, la prossima volta che farà un altro bel gesto come donare 1000€ a persone bisognose, gli presto la mia Polo del 1999. Ho appena fatto la revisione, va alla grande! (Quando indichi la luna, la gente guarda la Lamborghini)”

Giovanni Vernia, noto ai più come comico di Zelig scrive: “Quelli che pontificano su come vada fatta la beneficenza e con che macchina, mentre chiudono il finestrino del Suv al semaforo perché hanno visto in lontananza un mendicante. .(Interessanti anche gli hashtag utilizzati:. #ipocrisia, #fateviunavita)

La replica alla polemica sulla beneficenza

Fedez dalla sua spiega che il video è stato in realtà fatto non per farsi pubblicità mentre faceva beneficenza, ma semplicemente per dare conto ai suoi fan che quei soldi li hanno donati attraverso la piattaforma Twitch che era stato proprio lui a portare a compimento la ‘missione’. Così il rapper meneghino ha replicato ai denigratorî, raccontando la sua versione dei fatti

Sono stati consegnati 5 mila euro a 5 rappresentanti di altrettante categorie, “un rider, un senzatetto, un artista di strada, un cameriere o ristoratore, un volontario“, scelte dai fan del suo canale su Twitch, la piattaforma di livestreaming di proprietà di Amazon. Su Instagram, ha spiegato per sommi capi quanto avvenuto: “Ha scelto tutto la mia chat. In due mesi sono raccolti 5000 dollari che io ho arrotondato a 5000 euro“, La missione che è durata circa tre ore per le strade di Milano, ha fatto presente il cantante “È stato estenuante, ma anche, molto bello”.. Fedez ha deciso di documentare le consegne fatte con una diretta trasmessa proprio su Twitch insieme all’amico “Panetty”, tra gli streamer italiani più famosi, questa scelta e quella di girare in Lamborghini lo hanno esposto a dure critiche.

Fedez
Fabio Volo

Fabio Volo attacca Fedez: “La beneficenza si fa in silenzio, divento matto

Per quanto riguarda il filmare l’evento non è piaciuto ad esempio, come dicevamo in apertura di articolo, a Fabio Volo che ha così commentato duramente il gesto del cantante durante la sua trasmissione radiofonica, ‘Il Volo del mattino’: “Io divento matto, perché poi ci ritroviamo a parlare di queste cose: aspettate un attimo prima di riprendere la messa in onda, vado giù ad aiutare una vecchietta che attraversa la strada, poi faccio una stories, un post e divento buono per tutti ma con i soldi degli altri”, poi prosegue: “Sapete ieri ho fatto la spesa, c’è sempre lo stesso ragazzo al quale lascio qualcosina… Una signora dice “Fabio Volo non fai una storia mentre dai i soldi” questi argomenti mi fanno andare fuori di testa la beneficenza non era un qualcosa che si faceva in silenzio!”

Tra quanti hanno invece criticato l’auto anche sui social si legge: “Altro che Robin Hood” oppure “Babbo Natale in Lamborghini”, molti giornalisti nel descrivere il gesto del cantante hanno specificato già nel titolo che la consegna è avvenuta ‘in Lamborghini’.

Fedez e la beneficenza: il problema è l’auto? La prossima volta prendo la metro

Così Fedez ha voluto fare un video con alcune precisazioni, riportiamo le frasi dette: “Mi preme chiarire la situazione in merito all’iniziativa fatta ieri sulle donazioni di Twitch. Un paio di giornalisti hanno dato il loro parere e vorrei chiarire per punti la situazione. Anzitutto Twitch è una piattaforma dove gli utenti donano dei soldi alle persone che fanno dei live streaming e le persone che ‘streammano’ si tengono giustamente questi soldi, sono parte della loro remunerazione. Io, non reputando di averne bisogno perché io streammo per passione, mi piace, ho deciso di donare questi soldi. Essendo soldi di donazioni, per agevolare e rendere partecipi le persone che hanno donavano questi soldi, non sono stato io a decidere né a chi né come donarli ma hanno scelto gli utenti che guardavano la live”.

Io per trasparenza e correttezza nei confronti di chi aveva donato, mi sono prodigato nel consegnarli dedicando tutta la giornata di ieri a questa cosa. Tra l’altro, non ho ripreso i volti di queste persone, solo di chi voleva. Sono stati ripresi i volti di due persone. Questa è l’iniziativa. Quello che mi spiace è leggere negli articoli il modello della mia macchina come se questa fosse una discriminante. La mia macchina l’ho pagata regolarmente. Mi spiace che questa iniziativa sia stata percepita come di cattivo gusto però se i miei utenti mi chiedono di fare qualcosa che è a fin di bene, io non mi voglio esimere dal farlo e quindi lo rifarei. Tra l’altro, questa è una cosa che in America viene fatta più e più volte, capisco che siamo un paese diverso”.

E in conclusione: “Lo rifarei, probabilmente la prossima volta prenderò la metro se è questo il problema. Per inciso ringrazio tutte le persone che hanno partecipato a questa iniziativa. Spiace doversi giustificare sempre per qualsiasi cosa ma onestamente non mi scoraggiano nel fare ciò che faccio con grande entusiasmo”.

Fedez

Beneficenza, ma le polemiche sterili a cosa servono?

Sinceramente pur non condividendo possiamo anche comprendere il disappunto per quanti avrebbero preferito vedere Fedez girare a piedi piuttosto che con un’auto lussuosa, o chi avrebbe preferito la beneficenza fosse stata fatta in silenzio, ma in soldoni, perdonate, questo avrebbe cambiato il gesto?

Alla fine il succo di tutta questa storia qual è? 5 persone hanno ottenuto 5 pacchetti da 1000 euro cadauno, a me, personalmente s’intende, pare comunque un bel gesto in un periodo di difficoltà economica e ho trovato anche interessante l’identificazione da parte dei seguaci di Fedez di 5 categorie più meritevoli delle altre. Mi ha stupito molto anche la scelta ricaduta sul Volontario della croce rossa, come a volerlo ringraziare per il duro lavoro fatto in questo periodo.

Su chi discute sul fatto che il gesto non andasse pubblicizzato va sempre ricordato che Fedez insieme alla moglie è pur stato premiato proprio ultimamente per la sua popolarità. Non a caso l’Ambrogino d’Oro conferito alla coppia di top influencer Ferragnez riportava la seguente motivazione: “Influencer, imprenditori, intrattenitori. Impossibile ridurre a una definizione questa coppia che raggiunge oltre 33 milioni di follower. Durante la prima fase dell’emergenza sanitaria, hanno messo la notorietà al servizio della lotta al Covid-19 per provare a lenire le ferite della loro città” .

Dunque sinceramente non è che ci veda molto di strano, nel voler rendere noto quanto accaduto, anche perché chi segue i Ferragnez sa che postano qualunque cosa, anche le frasi dette dal figlioletto e sono sui social 24 ore su 24, possiamo dire che ‘vivono di social’.

In ogni caso non è la prima volta che si prestano, e per giunta con moltissimo successo, ad iniziative benefiche o di raccolta fondi, ragion per cui se serve sfruttare la propria popolarità al fine di fare del bene, credo, non vi sia nulla da demonizzare.

Il gesto rimane di per sé nobile, dunque dalla mia quoto in toto, il pensiero di Fabrizio Biasin, giornalista, che scrive: “Attaccano Fedez “Si fa pubblicità” Ok. Tra uno che si fa pubblicità facendo beneficenza e uno che si fa pubblicità facendo la morale a quello che si fa pubblicità facendo beneficenza, meglio fare pubblicità a quello che si fa pubblicità facendo beneficenza.

Come a dire che le polemiche, specie se sterili, portano davvero a poco, a mio modestissimo parere, se tutti coloro che sono popolari e benestanti facessero beneficenza, anche solo allo scopo di farsi poi pubblicità, alla fine molte più persone in condizioni disagiate riceverebbero in ogni caso un supporto economico, e quella beneficienza, se non per una differenza al più etica su come sarebbe meglio farla, avrebbe lo stesso identico significato: aiutare il prossimo!

E allora in fondo, perdonatemi se mi permetto di concludere con, viva Fedez e i social!

Erica Venditti

Erica Venditti

Erica Venditti, classe 1981, dal 2015 giornalista pubblicista. Dall'aprile 2012 ho conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Ricerca Sociale Comparata presso l’Università degli studi di Torino. Sono cofondatrice del sito internet www.pensionipertutti.it sul quale mi occupo quotidianamente di previdenza.

Leggi ancora