• 20 Ottobre 2021
  • CULTURA

Il Nobel per la letteratura va allo scrittore Abdulrazak Gurnah

Il Nobel letteratura è andato al romanziere tanzaniano Abdulrazak Gurnah, l'autore di "Adieu Zanzibar"

Abdulrazak Gurnah è stato scelto dalla giuria di Stoccolma per il Nobel alla letteratura . Il romanziere, nato in Tanzania nel 1948, ma residente nel Regno Unito, è in particolare l’autore di Adieu Zanzibar, edito da Galaade. L’autore, noto anche per il suo romanzo Paradise, è stato premiato per il suo “racconto empatico e senza compromessi degli effetti del colonialismo e del destino dei rifugiati intrappolati tra culture e continenti”.

“Adieu Zanzibar” l’opera più famosa di Abdulrazak Gurnah

L’opera per cui è maggiormente conosciuto, purtroppo mai tradotta in italiano è Adieu Zanzibar (Addio a Zanzibar) dove si narra l’amore tra la sorella di un negoziante autoctono e un intellettuale inglese. Siamo nel 1899 e nel romanzo si racconta l’unione di due mondi che non avrebbero mai dovuto incrociarsi. Tre generazioni dopo, nello stesso luogo, Jehana, nipote di questa coppia scandalosa nella memoria di Zanzibar, vive una passione impossibile con il primogenito di una famiglia modello. “È una storia su tutti noi. Dice che ogni storia ne contiene molte di più e che non ci appartengono ma si fondono con i capricci del nostro tempo, che ci prendono e ci legano per sempre. ” ha spiegato l’autore.

Impossibile restare fuori da questo “noi” scoprendo le vicende successive di ciascuno dei protagonisti: la varietà di punti di vista meravigliosamente incarnati dona vastità e ricchezza a questo affresco che mescola epoche, luoghi, condizioni storiche, mentalità e quotidianità di famiglie. Lontano dal folklore, anche dalla vita. Vincitore del Premio RFI testimone del mondo per Near the Sea, Abdulrazak Gurnah è decisamente un narratore a cui non possiamo resistere: dobbiamo partire con lui per Zanzibar, vivere la felicità, il dolore e la speranza in questo bellissimo e grande romanzo d’amore e di esilio.

La giuria del Nobel ha allargato gli orizzonti

Delle circa 200-300 domande presentate anno dopo anno all’Accademia, la giuria ne accetta cinque prima dell’estate. I membri sono tenuti a leggerli con attenzione e discrezione prima che la scelta finale avvenga poco prima dell’annuncio. Le deliberazioni restano segrete per 50 anni. Ma il profilo tipico di un vincitore è stato a lungo abbastanza facile da determinare: un uomo, occidentale e spesso europeo; non un autore di bestseller, spesso relativamente anonimo; scrivere o essere tradotto in una lingua letta nel Cenacolo di Stoccolma.

“Prima avevamo una prospettiva eurocentrica sulla letteratura. Ora guardiamo al mondo”, ha detto Anders Olsson, presidente del comitato Nobel, nell’autunno del 2019. La stagione dei Nobel continua con il premio per la pace, e si conclude lunedì 11 ottobre con l’economia.

Valentina Roselli

Laureata in Scienze Politiche, giornalista, ha iniziato come cronista per importanti testate nazionali e locali, ha collaborato con alcuni periodici di attualità occupandosi di politica ed è stata direttrice editoriale del quotidiano "Notizie Nazionali". Negli ultimi anni ha lavorato come ghostwriter e ha collaborato ad inchieste giornalistiche di attualità per radio e tv online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati