SPORT

Karate: cinque finali per l’Italia. Oggi la prova a squadre

ROMA. Grande inizio per la squadra Italiana di Karate impegnata ai Campionati Europei che si stanno disputando da giovedì 28 marzo a Guadalajara, in Spagna, e termineranno domenica 31. Gli azzurri proveranno confermare l’eccezionale risultato della scorsa edizione terminata con 3 ori, 2 argenti e 5 bronzi. La Nazionale è riuscita a conquistare cinque finali a livello individuale : tre per il titolo e due per il terzo posto.

Viviana Bottaro (Fijlkam/Facebook)

La prima a conquistare la finale per l’oro è Viviana Bottaro, la punta di diamante nella specialità kata, che ha dominato tutti i gironi con delle prove ottime: ha passato il primo con il punteggio di 25,62, il secondo con 25,42 e il terzo, quello decisivo, con 26,94. La finalissima di sabato la vedrà ancora una volta opposta alla spagnola Sandra Sanchez, l’attuale Campionessa del Mondo ed Europea, per un match che potrebbe assumere i connotati di una rivincita dopo la finale disputata tra le due atlete nel 2018. Anche il capitano dei carabinieri Luigi Busà disputerà domani la finale per il titolo dopo aver dominato la fase preliminare: nella categoria -75kg, nonostante affrontasse degli avversari ostici, il karateka siciliano ha superato in successione il russo Beslan Mizov (3-0), il lituano Remigjius Jurgilaitis (1-0), l’inglese Joe Kellaway (3-0) e il turco Emran Eltemur (1-0). L’utimo scoglio sarà l’amico/nemico di una vita, l’azero Rafael Aghayev, in una finale che attirerà gli sguardi di tutto il Mondo. L’ultimo azzurro a giocarsi la medaglia dal metallo più prezioso sarà Angelo Crescenzo nei -60kg, che è riuscito a conquistare la finale nonostante il piccolo infortunio al ginocchio subito prima della rassegna. Il vice campione europeo in carica ha superato il primo turno per assenza dell’avversario, il bielorusso Oleg Melekhin, successivamente ha avuto la meglio sul georgiano David Tkebuchava (2-0), sull’inglese Cuba Parris (1-1) ed infine sul turco Eray Samdan (2-1). In finale se la vedrà con il russo Evgeny Plakhutin.

Angelo Crescenzo (Fijlkam)

A giocarsi il bronzo saranno invece Mattia Busato e Silvia Semeraro. Il veneto si impone nel kata individuale dominando il primo turno con il punteggio di 25,66, per poi classificarsi al secondo posto nei due successivi con 25,08 e 24,94, dietro al turco Ali Sofluogu. Sabato se la vedrà col francese Enzo Montarello per il bronzo. Grande percorso quello di Silvia che nei -68 kg è partita con un’ottima striscia di vittorie, vincendo contro la turca Eda Eltemur (2-0), la slovacca Miroslava Kopunova (1-0) e la serba Marina Radicevic (3-0), prima di cedere il passo in semifinale alla francese Alizee Agier per 6-0. Per il terzo posto si scontrerà contro l’austriaca Alisa Buchinger.

Luigi Busà (Fijlkam/Facebook)

Per gli altri azzurri impegnati nella manifestazione degno di nota il settimo posto di Michele Ciani, new entry nei -84 kg in sostituzione dell’infortunato Michele Martina, che viene fermato al primo turno contro il bielorusso Anton Isakau, poi finalista. Successivamente nei ripescaggi l’azzurro ha vinto il primo incontro sullo svizzero Julian Shane (3-2), ma è stato sconfitto nel secondo dal francese Farouk Abdesselem (3-0), ad un passo dalla finalina. Stessa sorte per Simone Marino nei +84 kg che, superato il primo turno per hantei dell’olandese Tyron Darnell Lardy (0-0), perde il secondo contro il tedesco Campione del Mondo Jonathan Horne per 2-1. Nel ripescaggio ha superato il primo step contro il kosovaro Herolind Nishevci (1-0), ma non il secondo, con la conseguente possibilità di disputare la finale per il bronzo, per mano dell’ucraino Ryzvan Talibov (2-0). Niente da fare per gli tutti gli altri azzurri in gara, usciti durante le eliminatorie.

Team femminile kata (Fijlkam/Facebook)

Oggi sarà il turno dei due team azzurri di kata: quello femminile formato da formati da Carola Casale, Michela Pezzetti, Terryana D’Onofrio che si presentano da squadra campione in carica e lotteranno per mantenere il titolo conquistato lo scorso anno in Serbia. Le atlete azzurre, hanno gareggiato stamane e sono approdate in finale per la conquista dell’oro. La squadra maschile composta da Alessandro Iodice, Gianluca Gallo, Giuseppe Panagia, è riuscita ad approdare alla finale per il terzo posto e al massimo riuscirà ad eguagliare il risultato della scorsa edizione.

team maschile kata (Fijlkam/Facebook)

Missione di gloria anche per le due squadre di kumite con quella femminile composta da Lorena Busà, Laura Pasqua, Silvia Semeraro e Clio Ferracuti intenzionata a prendersi la rivincita dopo la finale dello scorso anno persa contro la Svizzera, mentre quella maschile, reduce dallo storico bronzo mondiale, si rimetterà in gioco con soli giovani: conferme per gli iridati Rabia Jendoubi, Ahmed El Sharaby e Andrea Minardi, ma spazio anche per Michele Ciani e Gianluca De Vivo.

Per seguire il percorso degli atleti azzurri in diretta potete collegarvi alla pagina Facebook della Fijlkam cliccando qui.

Il Programma

Venerdì 29 Marzo
Eliminatorie e Ripescaggi
Kata e Kumite a squadre, Para Karate

Sabato 30 marzo
Finali
Kata e Kumite individuale, Para Karate Intellectually e Visually Impaired

Domenica 31 marzo
Finali
Kata e Kumite a squadre, Para Karate Wheelchair

Tags

Articoli Correlati