SPORT

Nations League, Italia: esordio contro la Bosnia. Tra i titolari spazio a Belotti e Sensi

La Nazionale di Mancini è alla ricerca di una vittoria per poter cominciare al meglio la competizione Uefa e per estendere il record di vittorie consecutive, che ad oggi sono ben 11

Sono passati ben 291 giorni dall’ultimo incontro disputato dalla Nazionale allenata da Roberto Mancini, era il 18 novembre 2019 e al Renzo Barbera di Palermo gli azzurri avevano sconfitto l’Armenia con un roboante 9-1, miglior risultato dell’era manciniana e vittoria più ampia della storia in una partita di qualificazioni agli Europei. Un risultato che ha permesso all’Italia di ottenere l’undicesima vittoria consecutiva, superando il record di successi di fila che perdurava dai tempi di Vittorio Pozzo e mai nessun altro commissario tecnico azzurro prima del tecnico di Jesi era riuscito a vincere tutti gli incontri di un girone di qualificazione.

Il primo match di Nations League: Italia-Bosnia

Questa sera, ore 20:45, allo stadio Artemio Franchi di Firenze la compagine azzurra affronterà la Bosnia capitanata da una vecchia conoscenza del campionato di Serie A, il centravanti romanista Edin Dzeko attualmente al centro dei rumors di calciomercato, soprattutto in orbita Juventus. Tra la squadra ospite spicca l’assenza di Pjanic, ex della Juventus da poco passato al Barcellona, risultato positivo al Coronavirus dopo una vacanza in Sardegna.

Italia Bosnia Nations League

I punti fermi della Nazionale di Roberto Mancini

Per la sfida d’esordio della competizione organizzata dalla Uefa il CT sta pensando ad una formazione piena zeppa di punti fermi: a difendere la porta ci sarà Gigi Donnarumma, la coppia dei centrali di difesa sarà formata dall’inossidabile duo bianconero BonucciChiellini, quest’ultimo tornerà a vestire l’azzurro dopo quasi un anno e tre mesi (11 giugno 2019 proprio contro la Bosnia), a centrocampo si conferma come punto fermo Barella, mentre come esterni del trio d’attacco verranno utilizzati Chiesa e Insigne, due tra gli attaccanti più utilizzati dal Mancio.

Nations League, le possibili novità di formazione

Tra le novità più importanti partono dalle corsie esterne di difesa dove tornerà Alessandro Florenzi a destra, mentre a sinistra sarà il turno di Cristiano Biraghi. Nei match precedenti il selezionatore jesino era solito accoppiare l’ex romanista con Emerson Palmieri, l’esterno nerazzurro era stato accompagnato dai vari Di Lorenzo, Piccini e lo stesso Emerson Palmieri.

A centrocampo l’indisponibilità di Jorginho, che ha raggiunto il ritiro di Coverciano in ritardo dopo l’isolamento obbligato a causa del contatto con alcuni compagni del Chelsea risultati positivi al Covid, ha costretto il tecnico ad optare per Sensi in cabina di regia. Mentre come terzo di centrocampo la scelta dovrebbe ricadere su Pellegrini, in leggero vantaggio sul compagno romanista Zaniolo.

Infine al centro dell’attacco azzurro sarà schierato il granata Belotti, preferito al vincitore della Scarpa d’Oro 2020 e capocannoniere dello scorso campionato di Serie A Ciro Immobile. Il centravanti laziale potrebbe eventualmente giocare uno spezzone di partita, in maniera tale da essere preservato per la delicata sfida contro l’Olanda, finalista sconfitta dal Portogallo nella passata edizione del torneo.

Per la sfida odierna non sono stati convocati i debuttanti Caputo e Bastoni, mentre sarà regolarmente presente in panchina l’altro debuttante in maglia azzurra Locatelli.

Le probabili formazioni:

ITALIA (4-3-3) Probabile formazione: Donnarumma; Florenzi, Bonucci, Chiellini, Biraghi; Pellegrini, Sensi, Barella; Chiesa, Belotti, Insigne. CT: Mancini

BOSNIA (4-3-3) Probabile formazione: Sehic; Kvrzic, Sunjic, Bicakcic, Kolasinac; Besic, Cimirot, Gojak; Visca, Dzeko, Duljevic. CT: Bajevic

Carlo Saccomando

Tags

Articoli Correlati