• 20 Ottobre 2021
  • ECONOMIA

Nobel per l’Economia assegnato a tre specialisti in economia sperimentale

Il prestigioso premio Nobel Economia è stato assegnato a un trio di studiosi che hanno analizzato il salario minimo e il rapporto causa effetto in economia

Il Premio Nobel per l’Economia è stato assegnato a tre specialisti in economia sperimentale: il canadese David Card, l’americano-israeliano Joshua Angrist e l’americano-olandese Guido Imbens.

Il trio ha portato nuove idee nel mercato del lavoro e ha mostrato quali conclusioni si possono trarre dalle esperienze naturali in termini di cause e conseguenze. Il loro approccio si è esteso ad altri campi e ha rivoluzionato la ricerca empirica”, ha affermato la giuria.

Gli effetti del salario minimo

Nobel al canadese David Card, classe 1956, “per i suoi contributi empirici all’economia del lavoro“. Utilizzando esperimenti naturali, Card ha analizzato gli effetti del salario minimo, dell’immigrazione e dell’istruzione sul mercato del lavoro.

I suoi studi nei primi anni ’90 hanno sfidato idee preconcette, che hanno portato a nuove analisi e nuove prospettive”, secondo la giuria del Nobel. In particolare, i risultati della sua ricerca hanno mostrato che aumentare il salario minimo non significa necessariamente meno posti di lavoro. Attraverso il suo lavoro, “ci siamo anche resi conto che le risorse scolastiche sono molto più importanti per il futuro successo degli studenti nel mercato del lavoro di quanto si pensasse in precedenza”.

Con l’economia si chiudono le assegnazioni dei Nobel

Angrist, 61 anni, e Imbens, 58 anni, hanno ricevuto il Nobel per i loro contributi metodologici all’analisi delle relazioni di causa ed effetto. A metà degli anni ’90, i due ricercatori hanno dimostrato in particolare come si possano trarre conclusioni precise su causa ed effetto da esperimenti naturali.

L’economia chiude una stagione dei Nobel segnata in particolare dal premio per la pace a due giornalisti investigativi, la direttrice dei media filippini Rappler, Maria Ressa, e il caporedattore del quotidiano russo Novaya Gazeta, Dmitri Muratov.

Tags

Valentina Roselli

Laureata in Scienze Politiche, giornalista, ha iniziato come cronista per importanti testate nazionali e locali, ha collaborato con alcuni periodici di attualità occupandosi di politica ed è stata direttrice editoriale del quotidiano "Notizie Nazionali". Negli ultimi anni ha lavorato come ghostwriter e ha collaborato ad inchieste giornalistiche di attualità per radio e tv online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati