• 4 Dicembre 2022
  • SANITA'

Situazione Covid in Italia, Iss: Rt medio e incidenza ancora in calo

Scende ancora l’incidenza settimanale livello nazionale: sono 283 ogni 100.000 abitanti i casi Covid accertati (28 ottobre – 3 novembre) contro i 374 ogni 100.000 abitanti della settimana precedente (20 – 26 ottobre). È quanto afferma il consueto il monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute sull’andamento del Covid-19. Nel periodo compreso tra il 12 e il 25 ottobre, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,95 (range 0,86-1,10), in diminuzione rispetto alla settimana precedente e inferiore al valore soglia.

L’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero diminuisce e si trova sotto la soglia epidemica: Rt=0,90 (0,87-0,93) al 25 ottobre contro Rt=0,94 (0,91-0,97) al 18 ottobre.

Il tasso di occupazione di pazienti Covid in terapia intensiva sale al 2,4% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 3 novembre) contro il 2,2% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 27 ottobre), così come il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale che scende invece al 10,4% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 3 novembre) rispetto al 10,8% della settimana precedente (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 27 ottobre). I valori restano sotto soglia.

Quattro Regioni/PA a rischio moderato, nessuna a rischio alto

Nessuna regione è classificata a rischio alto, quattro sono a rischio moderato e 17 classificate a rischio basso. Otto regioni e province autonome riportano almeno una allerta di resilienza. Una regione riporta molteplici allerte di resilienza, spiega l’Iss.

Inoltre sono 4 le Regioni che questa settimana i collocano sopra la soglia di allerta del 15% per l’occupazione dei reparti di area medica da parte dei pazienti Covid. Nello specifico si tratta di Umbria (33,5%), Valle d’Aosta (20,9%), Friuli Venezia Giulia (17%) e Liguria (15%). In tutte le Regioni e Province autonome il tasso di occupazione delle terapie intensive rimane invece ben al di sotto della soglia di allerta fissata al 10%. I tassi maggiori di occupazione in intensiva si registrano in Umbria (7,1%) e in Molise (5,1%).    

Norbert Ciuccariello

Classe 1976, fondatore del quotidiano web nazionale il Valore Italiano e del quotidiano locale Torino Top News. Oltre a ricoprire l'incarico di editore e giornalista pubblicista è un imprenditore impegnato nel settore della moda e della contabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati