ATTUALITA'ԑ PRIMO PIANO

Vendite al dettaglio ancora in discesa, beni non alimentari in caduta libera

ROMA. Purtroppo si devono registrare nuovamente le vendite al dettaglio ancora in caduta. Ad aprile diminuiscono del 10,5% in valore rispetto a marzo. E anche stavolta “a determinare il forte calo” sono le vendite dei beni non alimentari, che diminuiscono del 24,0%. Una flessione “dovuta alla chiusura di molte attività per l’intero mese a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19”.

Per il cibo invece si registra un, seppur lieve, aumento (+0,6%). Tornando al totale, nel confronto annuo, il ribasso è del 26,3%. Lo rileva l’Istat. “Il commercio elettronico, unica forma di vendita in crescita, mostra un’accelerazione” ad aprile, mettendo a segno su base annua “un deciso aumento”: +27,1%. Nello stesso mese, sempre in termini tendenziali, il valore delle vendite al dettaglio diminuisce del 16,4% per la grande distribuzione e del 37,1% per i piccoli negozi. Rialzo a doppia cifra per le vendite nei supermercati, naturalmente, un dato quasi scontato. Ad aprile, mese di lockdown, l’aumento è stato del 10,5% su base annua. Seguono i discount alimentari, con un incremento del 9,3%.

Articoli Correlati