• 26 Settembre 2022
  • POLITICA

Green pass, presto obbligatorio per tutti

Draghi procede spedito verso la messa in atto del decreto che introdurrebbe il super Green pass per tutte le categorie per cui è in atto più i lavoratori privati

Il  ministro per gli Affari regionali Mariastella Gelmini dai microfoni di Radiorai annuncia che il governo  è “pronto ad accelerare” per estendere l’obbligo del Green pass anche ai lavoratori del settore privato oltre ai dipendenti pubblici. Il decreto è pronto e sarà valutato domani in Consiglio dei ministri e sicuramente entrerà in vigore. Sulle modalità e i tempi il tutto è vedere nei prossimi giorni. Anche se viene ventilata la data del 15 ottobre.

Il certificato verde sta monopolizzando il dibattito politico

Da diverse settimane il premier Mario Draghi ha annunciato di volerlo rendere obbligatorio per tutti, sia nella pubblica amministrazione sia nel privato. Aggiungendo che chi è il potere deve avere il coraggio di prendere misure impopolari.

Salvini in merito a questa decisione ha avuto un primo confronto con Draghi e dopo l’incontro ha raccontato che il premier gli avrebbe assicurato che non ci sarebbe stata l’estensione del Green Pass a lavoratori del pubblico e del privato”.

La piega dei fatti però sta smentendo il leader della Lega. Il compagno di partito di Salvini nonché ministro allo Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, ha rivelato che la direzione era quella: certificato esteso a tutti i lavoratori. Perché, aveva spiegato in quell’occasione “l’esigenza delle aziende è avere sicurezza per chi opera”.

La linea dura del Green pass, è gradita a tutti i governatori del nord, terre di industrie, incitati da Confindustria che vuole maggiori sicurezze per i lavoratori e produzione serena per le aziende.

Green pass e super Green pass

Salvini oggi pare abbandonare la linea dura e si appella all”equilibrio”, ma la linea tracciata è netta e il governo non ha nessuna intenzione di indietreggiare.
Draghi, ha in ballo due diversi decreti. Uno per il certificato verde relativo gli statali, più tutti i servizi per cui è già obbligatorio: bar, ristoranti, palestre, piscine, cinema, teatri, fiere, stadi, treni e aerei. Il secondo decreto detto super Green pass, introdotto per tutte le categorie già citate più per i lavoratori delle aziende private.

Il premier ha una preferenza per il super Green Pass, anche se è consapevole della difficoltà a mettere in campo tutte le misure tecniche per attuarlo e assicurare il proseguimento della campagna vaccinale senza interruzioni.

Tags

Valentina Roselli

Laureata in Scienze Politiche, giornalista, ha iniziato come cronista per importanti testate nazionali e locali, ha collaborato con alcuni periodici di attualità occupandosi di politica ed è stata direttrice editoriale del quotidiano "Notizie Nazionali". Negli ultimi anni ha lavorato come ghostwriter e ha collaborato ad inchieste giornalistiche di attualità per radio e tv online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati