CRONACHEPIANETA ANIMALIԑ SARDEGNA

Il coccodrillo Jack ritrovato in pineta. Sarà restituito al circo

OROSEI (NUORO). Il coccodrillo Jack, la cui sparizione dal circo Martin il 10 agosto scorso aveva suscitato clamore e preoccupazione in Sardegna, è stato ritrovato. Il Corpo forestale regionale sardo, avvisato dalla segnalazione di una ragazza a passeggio col cane in pineta, lo ha catturato a Cala Liberotto a Orosei, in provincia di Nuoro. L’alligatore è in buone condizioni secondo il parere di un veterinario dell’Asl di Nuoro. Al momento Jack è ospitato nella sede del Corpo Forestale di Orosei, dove sarà sottoposto a un esame più approfondito da parte del professionista, prima di essere restituito a Eusanio Martino, titolare del circo Martin e proprietario dell’animale. Al momento le indagini dei Carabinieri proseguono per capire se il caimano sia scappato dal circo e poi liberato, sia stato rubato, come sosteneva il titolare della carovana, oppure prelevato e liberato dagli ambientalisti.

Locandina Lav su animali nel circo
Locandina Lav su animali nel circo

A tal proposito, così parlava alcuni mesi via Facebook il ministro dei Beni e delle Attività Culturali Alberto Bonisoli, riguardo la legge per vietare gli animali nei circhi (di seguito il video). Secondo la Lav, Lega antivivisezione, il videomessaggio giungeva dopo alcune settimane di mobilitazione #CAMBIACIRCO, organizzata proprio per sollecitare il rispetto di questo impegno, richiesto dall’associazione da oltre 40 anni, ottenuto nel 2017, ma, a oggi, in fase di approvazione.

Il Presidente della Lav, Gianluca Felicetti, dichiarava: «Si tratta di dare attuazione a un’autentica svolta culturale ed etica nell’ambito dell’arte circense, un atto di civiltà verso gli animali, un percorso necessario che aprirà la strada al rilancio del settore. Nessuna perdita di posti di lavoro, ma riqualificazione e rilancio. Siamo fiduciosi che lo stop all’uso di animali in questi spettacoli possa avvenire entro tre anni, senza ulteriori acquisizioni di animali dai circhi né riproduzioni. A chi si chiede dove finiranno gli animali una volta che la legge 175 sarà efficace, rispondiamo che gli animali dei circhi sono di proprietà privata ed è evidente che saranno i proprietari ad avere il diritto e il dovere di disporne in tutto e per tutto. Il nostro auspicio e augurio è che i proprietari, una volta che la legge delegata entrerà in vigore, troveranno il modo migliore per assicurare loro – avendone la responsabilità giuridica, oltreché morale – un futuro dignitoso».

Simona Cocola

Simona Cocola

Giornalista pubblicista torinese, ha iniziato a collaborare per la carta stampata nei primi anni dell'università, continuando a scrivere, fino a oggi, per diverse testate locali. Ha inoltre lavorato in una redazione televisiva, in uffici stampa, ha ideato una rubrica radiofonica, ed è autrice di due romanzi.

Articoli Correlati